The Space Curl

La terapia medica di allenamento

IL SISTEMA

3D SPACECURL è un apparecchiatura di qualità ed unica nel suo genere. Per la sua produzione sono stati usati esclusivamente componenti di alta qualità e verificati nel tempo. Il principio della sospensione cardanica è stato completato meccanicamente in modo tale che i tre anelli che tengono il paziente, ruotino impernianti in una doppia base portante dinamica, che non necessità di manutenzione, appositamente sviluppata e bilanciata al grammo.

Per quanto riguarda la stabilità gli anelli sono sovradimensionati per permettere una rotazione omogenea. Il telaio è formato da componenti in acciaio inossidabile; le viti sono autobloccanti. Per effettuare l’allenamento il paziente si posiziona sulla piattaforma regolabile dove le sue caviglie vengono ancorate individualmente legandole con delle fasce imbottite. La regolabilità in altezza, permette un dosaggio ella stabilità, pertanto lo sforzo dell’esercizio può essere dosato individualmente. Il fissaggio pelvico variabile permette l’allenamento senza l’uso delle mani e previene una loro lordosi eccessiva. Con lo spostamento del peso il paziente può determinare nel sistema l’ampiezza angolare e la velocità dell’esercizio. L’abbassamento del centro di gravità del corpo permette il frenaggio del sistema attraverso la stabilizzazione degli anelli.

E’ inoltre possibile l’adattamento allo sforzo del paziente liberando gli anelli singolarmente e regolando l’altezza della piattaforma di appoggio (centro di gravità). L’intensità dello sforzo può essere ulteriormente aumentata applicando pesi. E’ assolutamente necessario che un terapista presenzi al trattamento e dia istruzioni.

INDICAZIONI GENERALI:

  • Training fisiologico della muscolatura autoctona del corso
  • Esercizi di coordinazione
  • Esercizi per l’equilibrio e la postura
  • Riduzione della Spasticità
  • Riabilitazione post-chirurgica agli arti
  • Terapia per pazienti paraplegici e affetti da apoplessia
  • Stimolazione senso-motorio in pazienti affetti da deficit posturali
  • Per la prevenzione, la terapia e la riabilitazione

SPECIFICHE:

  • Sclerosi multipla
  • Morbo di Parkinson
  • Distrofia Muscolare
  • Colpo di frusta
  • Sindrome cervicale, toracico e lombare
  • Scoliosi
  • Intrusione periferica-vestibolare
  • Vertigini
  • Insufficienza posturale

PREVENZIONE – RIEDUCAZIONE:

Il golf stimola prevalentemente i muscoli che compongono la “catena muscolare posteriore”: collo, dorso, lombi posteriori delle cosce e dei polpacci. Ciò porta talvolta a modifiche importanti nella postura, che sono causa del temuto e classico “mal di schiena del golfista” .

Il trattamento base con il sistema Spacecurl prevede tre livelli:

  • Acquisizione della percezione e allenamento dell’equilibrio statico
  • Acquisizione della percezione e allenamento dell’equilibrio statico
  • Allenamento dell’equilibriodinamico

PERFORMANCE:

Il golfista deve essere in grado di eseguire il colpo e di controllare le forze rimanendo in una posizione eretta sicura. Il finale del movimento è costituito da una frenata, in cui la funzione ottimale dei muscoli stabilizzanti la colonna vertebrale è paragonabile all’effetto del sistema ABS nelle autovetture. In questo modo si evita un danneggiamento al sistema scheletrico, specialmente a livello dei dischi intervertebrali. Inoltre l’attivazione concertata di gruppi muscolari profondi del dorso, associata al controllo delle catene cinetiche in movimento e al sistema propriocettivo originante dalla pianta dei piede, diventa la chiave risolutiva per la stabilizzazione di una tecnica del gesto efficace e duratura nel tempo. L’automazione di tali atteggiamenti motori diventa una caratteristica del buon golfista. Questi pattern motori inconsci aiutano ad indirizzare la concentrazione sugli elementi tecnici decisivi del colpo.

Questa necessità vengono pienamente tenute in considerazione ed evidenziate negli esercizi eseguibili sullo Spacecurl. Anche per un golfista alle prime armi, la possibilità di prendere coscienza con la percezione dell’equilibrio associato al movimento del colpo, accelera l’acquisizione della coordinazione del gesto e preserva da atteggiamenti posturali dannosi nel tempo.